Massaggi roma

Spesso chi non ha mai praticato fisioterapia ignora l'esistenza di un programma riabilitativo; a volte la figura del fisioterapista è relegata a ruolo di massaggiatore o pranoteurapeta, laddove nell'immaginario l’operatore deve avere mani robuste per manipolare o così sensibili da trasmettere miracolose energie. Per fortuna la fisioterapia è altro, frutto di evidenze scientifiche, tecnica e conoscenza di un sistema straordinario: il corpo umano.

riabilitazione ortopedica

Si ricorre alla fisioterapia per tante ragioni, ma tra queste, le patologie di natura muscolo-scheletrica rappresentano una causa di rilievo frequente. In questo ambito il fisioterapista deve sempre analizzare la problematica ragionando in ottica globale, consapevole però che una perfetta conoscenza dell'anatomia è la chiave di volta, la base in qualsiasi campo della riabilitazione.

rieducazione neurologica

Le patologie del sistema nervoso sono numerose, come i meccanismi che sottendono la manifestazione dei sintomi e le conseguenti e frequenti implicazioni psicologiche. Un tema ampio dalle mille sfaccettature; è importante esaminarne gli aspetti salienti, riassumendo ciò che ci è dato conoscere dalla fisiologia, per comprendere l'utilità della fisioterapia.

riabilitazione cardiaca

Ruoli importanti della fisioterapia sono rivestiti dalla riabilitazione cardiovascolare, respiratoria e del pavimento pelvico. Si tratta di terapie, spesso indispensabili o salvavita, rivolte a persone che hanno problemi cardiocircolatori, che soffrono di malattie croniche dell’apparato respiratorio o che presentano incontinenza, stipsi o disfunzione sessuale.

artrosi

“Mi fa male il ginocchio, sopratutto la mattina...poi passa un pò, ma la sera ricomincia.
E come se non bastasse, da qualche giorno ho dolore anche all'anca...la schiena poi...a pezzi!!!
Vado avanti con antinfiammatori, so che è artrosi, artrite...neanche conosco bene la differenza”.
Perchè avviene tutto ciò ? E la fisioterapia può essere d'aiuto?

dolore alla spalla

“Non dormo per il dolore al braccio e non riesco più ad allacciare il reggiseno, né a pettinarmi“.
E’ un problema identificato con il termine desueto di “periartrite scapolo omerale”.
Per analizzare questo fenomeno e capire come intervenire, è fondamentale conoscere la bio-meccanica di una articolazione particolare ed unica nel suo genere: la spalla.

dolore al ginocchio

“Quando faccio le scale sento uno strano scatto nel ginocchio ed ho dolore. Eppure sono giovane e non ho mai subito traumi importanti, la fisioterapia è utile?".
La risposta è si.
Per comprendere il motivo della risposta, bisogna conoscere la struttura del ginocchio.

dolore alla colonna

“Ho mal di schiena e il fisiatra ha indicato la fisioterapia. Avrei voluto fare la risonanza magnetica, ma lui, dopo aver fatto test e molte domande, ha giudicato l’esame inutile”.
Anche se a tanti pazienti può sembrare una affermazione "assurda", lo specialista ha probabilmente giuste ragioni per reputare l'esame superfluo. Analizziamo il perché.

scoliosi

"Nelle foto noto che ho sempre una spalla più bassa rispetto l’altra…ho la scoliosi?”.
Non è detto, perchè non sempre ad una apparente deformità morfologica corrisponde una effettiva alterazione strutturale; per una risposta serve una attenta valutazione.
Occorre infatti differenziare i paramorfismi dai dismorfismi; esaminiamo le differenze.

frattura distorsione lesione

Le lesioni all'apparato muscolo-scheletrico possono dipendere da eventi traumatici, in cui l’intensità delle forze è tale da superare la resistenza del tessuto (lesioni muscolari, distorsioni articolari e fratture), o per sovraccarico funzionale, in cui una azione ripetuta nel tempo può usurare la struttura e predisporla alla rottura, come avviene nelle lesioni tendinee e nelle fratture da stress.

acufene cervicale

Tra le tante e diverse patologie, c’è un disturbo che attrae in modo particolare la mia attenzione: l'acufene; una problematica che colpisce molte persone, caratterizzata dalla percezione di suoni e rumori immaginari, come fruscii, ronzii, fischi o battiti, che sembrano generarsi nel cervello o provenire dall'ambiente esterno. Purtroppo, chi soffre del problema, è costretto a vivere in un perenne frastuono, ignaro di cosa sia il silenzio.

ictus emiplegia

“Mio marito in diverse occasioni ha avvertito uno strano intorpidimento in tutta la metà del corpo, dal volto alla gamba; avevo anche l'impressione che non riuscisse a capirmi. Episodi che duravano qualche ora, poi stava bene. Ci hanno detto che erano sintomi premonitori di un ictus, che putroppo si è poi verificato. Da quel giorno è emiplegico".

Sclerosi multipla

“Tutto è iniziato qualche anno fa: non vedevo bene, sentivo le gambe deboli e strane sensazioni, fin sotto la pianta dei piedi. Ho informato subito il mio medico di base, il quale mi ha indirizzata prima da un oculista e successivamente dal neurologo, che ha fatto poi luce sulla mia malattia. E dire che ho solo trent'anni, sono molto depressa".

Parkinson

“Mio padre ha settant'anni ed è affetto dal morbo di Parkinson. C'è voluto molto tempo per la diagnosi perchè inizialmente si sospettava una forte depressione; poi via via, ha manifestato sempre più i sintomi della malattia. Per fortuna è ancora autosufficiente, ma ora ha dolori ovunque e si muove poco. Sappiamo che la fisioterapia può aiutarci".

miolopatia ernia

“Voluminosa ernia discale, espulsa in sede nel canale spinale. Il tessuto discale erniato determina una compressione sulla superficie ventrale del midollo cervicale che in tale sede presenta una sfumata iperintensità di segnale nelle sequenze T2 dipendenti, per edema parenchimale". Dal referto di questa risonanza magnetica, sembra emergere una mielopatia.

neuropatia radicolopatia

“La notte è un tormento, non so come mettere il braccio. Devo cambiare di continuo posizione altrimenti sento formicolare le dita. Alla fine riesco a dormire, ma a volte mi risveglio con la mano paralizzata!!! Ho sempre pensato ad un problema di circolazione, ma di recente ho fatto alcuni esami ed i medici mi hanno detto che è una neuropatia."

demenza anziani

Esistono purtroppo altre numerose malattie oltre quelle già descritte.
Un lungo elenco di patologie genetiche, congenite ed acquisite, che comportano serie disabilità e gravosi impegni per i familiari della persona malata, avviliti anche dai tagli economici alla sanità che complicano il lavoro del personale medico al servizio statale.